inManerbioWeek 6 marzo 2014

articolo Al1

Non chiamatelo solo ingegnere. Ad Alberto Massetti classe 1981, questo titolo starebbe davvero troppo stretto. Ha intrapreso un percorso davvero originale e al passo con i tempi, dando vita con altri giovani come lui a greenLab (alle lettera Laboratorio verde) a Brescia. Ma come è iniziato questo progetto? Il primo passo è stato la scelta di frequentare ingegneria ambientale: la questione energetica e ambientale è uno dei temi più importanti da trattare soprattutto oggi. Oltre alla collaborazione con lo Studio Tecnico Valsecchi di Quinzano, nel dicembre 2012 nasce greenLab che ha come scopo condensare in un unico gruppo di lavoro le esperienze di tre giovani ingegneri. Il pincipio ispiratore per la formazione del team è l’interesse di tutti i componenti per l’efficienza energetica – ci ha spiegato Alberto – progettiamo il recupero energetico di edifici esistenti, ci occupiamo di pianificazione energetica, divulgazione e formazione. Abbiamo unito le forze per portare la nostra personale visione di sostenibilità e risparmio energetico a diversi livelli. Capire quanto un edificio consumi è fondamentale per effettuare interventi che puntino ad ottenere il massimo risparmio energetico anche solo con dei piccoli accorgimenti. Questi sono temi in cui c’è molta confusione, è il motivo per il quale abbiamo partecipato a sportelli energia e organizzato convegni per tutta la provincia di Brescia e allargato la proposta ai Comuni per far capire i vantaggi del risparmio energetico nelle case – ha concluso. Tra gli ultimi lavori del gruppo c’è l’importante diagnosi energetica del Museo del Castello Estense di Ferrara oltre a diversi interventi di miglioramento energetico in tutta la provincia di Brescia e in città.
Con la collaborazione dello Studio Valsecchi sono state realizzate le prime case a classe energetica A e A+ di Quinzano segno dell’innovazione tecnica per il risparmio energetico.

0 replies

Leave a Reply

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


3 + one =